“Attivamente” – I primi incontri

Ora che il progetto è entrato nel vivo, vi verrà raccontato direttamente dai ragazzi dell’HND2 attraverso le loro impressioni. L’articolo che segue è stato scritto da Pietro Pizzoli.

——

Il progetto “Attivamente” è entrato nel vivo con i primi due appuntamenti di attività vera e propria, che sono stati anticipati da un incontro introduttivo.

Nei primi due incontri con gli utenti del centro S.A.O. abbiamo incentrato le attività sulla canzone “Figli delle stelle” di Alan Sorrenti, un pezzo che ha suscitato diverse emozioni: Nicola ha ricordato i momenti spesi in discoteca, addirittura nella famosa “Baia Imperiale” di Riccione, mentre Riccardo si è commosso risentendo un pezzo che probabilmente per lui è stato importante.

Abbiamo poi iniziato l’attività di approccio alle percussioni. Per prima cosa abbiamo suonato tutti insieme battendo le mani o i piedi sul 2 e sul 4, cercando di tenere il tempo basandoci sulla metrica super standard dei 4/4, contando quindi ogni volta tutti insieme da 1 a 4, per avere un riferimento su cui basarci per suonare.

In questo modo è più facile seguire un determinato “ritmo”. Abbiamo poi suonato sull’1 e sul 3, cercando poi di unire insieme queste due linee, in modo che un piccolo gruppo suonasse una linea, e un altro gruppo suonasse un’altra linea. L’esperimento ha portato dei buoni risultati, soprattutto quando abbiamo cominciato a suonare le maracas, i cembali, i bonghetti, arricchendo la parte sonora.

Successivamente abbiamo introdotto la parte del canto. Dopo una breve spiegazione delle basi e un piccolo riscaldamento tutti insieme, ci siamo concentrati sul cantare il ritornello. E’ stato un momento molto bello. Pian piano, tentativo dopo tentativo, le voci erano sempre più convinte, e il coinvolgimento è cresciuto.

L’ultimo step è stato quello di provare a unire le due attività, ovvero cantare tenendo un piccolo ritmo con le percussioni. Non è stato ovviamente facile e immediato, ma piano piano siamo riusciti a creare una bella atmosfera. All’inizio sembrava davvero difficile poter pensare di suonare e cantare contemporaneamente tutti insieme, ma con un po’ di pazienza e impegno, le cose arrivano sempre!

Ora non ci resta che migliorare, e aspettare il prossimo incontro, con nuovi brani e nuovi esercizi da svolgere insieme!
E qualche sorpresa, che vi sveleremo più avanti…