“ATTIVAMENTE” – AGGIORNAMENTO E RIFLESSIONE SUL PROGETTO

Il progetto “Attivamente” è ormai a buon punto. In questo articolo scritto da Elvira Caobelli vi spieghiamo come sono andati gli incontri in queste due settimane.

_ _ _

I laboratori per il nostro progetto di Community Music stanno procedendo alla grande. Gli ospiti del SAO sono sempre lieti di riprendere in mano il lavoro e sempre di più se ne vanno via fatiche per dare spazio a nuove soddisfazioni.

In queste due settimane ci siamo focalizzati sulle percussioni e sulle note della melodia di Io Vagabondo. Questa canzone suscita in loro emozioni incredibili!

Per questo brano abbiamo aggiunto una difficoltà maggiore nella ritmica delle percussioni: le altre volte le maracas hanno sempre scandito solo i quarti, questa volta anche gli ottavi, e la cassa non era più suonata solo in battere ma anche in levare. Il loro entusiasmo nel riuscire a fare una cosa più complessa era alle stelle.

Quando l’hanno cantata, dopo essersi riscaldati cantando la scala di DO maggiore e qualche arpeggio, alcuni di loro hanno liberato la voce.

Ho imparato una cosa importante durante l’ultimo laboratorio e non è stato facile. Inizialmente ero imbarazzata perché non sapevo come pormi con loro, dubbiosa di sembrare troppo insistente e pretenziosa, noiosa, troppo allegra o troppo seria. Poi, interagendo con loro, mi sono accorta di una cosa: erano alla continua ricerca di contatto con noi. Anche se non parlavano (alcuni per timidezza altri perché sono, purtroppo, impossibilitati a farlo) ci cercavano con gli occhi. Occhi che se li osservi attentamente emanano dolcezza e voglia di unione con il proprio sentire.

E io mi faccio domande su come parlare con loro?

L’importante è guardare la persona e non la sua malattia”. Ognuno di noi è in possesso di segreti, sensazioni, sentimenti e sogni che nessun altro potrà mai conoscere. Le persone con cui noi stiamo lavorando devono sostenere un peso che nessun altro potrà mai conoscere, come nessuno può conoscere i nostri segreti, ma che chiunque può vedere.

La debolezza è questa, non avere possibilità di scelta. La scelta di nascondere ciò che non si vorrebbe mostrare agli altri. Il regalo che si può fare loro è questo. Esaudire il loro sogno: dare loro la possibilità di avere una scelta. Guardare i loro occhi.

La prossima settimana ci saranno le prove generali prima della festa finale!

Siamo tutti molto emozionati!